Politica
Il nuovo appello lanciato dal Presidnte di Confindustria, Emma Marcegaglia, a fare in fretta le riforme ed a rispettare gli impegni presi con l'Unione Europea ed il dibattito politico in merito alle misure anticrisi presentate a Bruxelles e che il Governo
Tg3 | 30-10-2011 | Orario: 14:11 | Durata: 03:50

Questo contenuto e' disponibile solo ai registrati al sito. Puoi facilmente registrarti tramite Facebook. Ti preghiamo di leggere attentamente (prima della registrazione al sito) le clausole della privacy. Clicca sul bottone Connetti con Facebook per registrarti.

Registrati
Registrati usando Facebook

Interventi e citazioni nella notizia

è un nuovo appello da parte della presidente di Confindustria Marcegaglia a fare in fretta le riforme a rispettare gli impegni che sono stati presi con l'Unione europea intanto dopo le polemiche sulle nuove norme che il governo vorrebbe inserire sui licenziamenti immenso Sacconi dice è sbagliato parlare di licenziamenti facili quello che vogliamo fare è incoraggiare la crescita dal ministro arriva anche un allarme su quello che definisce un clima esasperato e che dice potrebbe portare a una nuova stagione di attentati Piero Cipriani il governo deve fare le riforme che parli subito altrimenti le conseguenze per il Paese saranno disastrose Emma Marcegaglia torna a chiedere con forza a Palazzo Chigi di tener fede agli impegni presi con l'Europa é le riforme non faranno parte la situazione à incerta serve à insiste la Marcegaglia i mercati non stanno ancora rileggendo bene nei confronti dell'Italia lo conferma l'esito dell'rimasta di due giorni fa dei titoli di Stato che ha fatto schizzare i costi per il nostro debito la strada dunque l'unica per la Marcegaglia e quella di realizzare quanto promesso all'Europa ma sulle riforme annunciate i toni si fanno sempre ù aspri in particolare sui licenziamenti è falso dire che vogliamo licenziamenti facili é oggi il ministro Sacconi che usa toni molto forti basta creare tensione dice che sono contrari alle nuove stagioni di attentati lo dall'opposizione interviene Pietro Ichino giunta polista senatori positiva é in una lettera inviata libero rilancia la proposta di legge firmata con altri cinquanta colleghi per superare l'articolo diciotto e riscrivere i contratti di lavoro discutiamone risponde Sacconi anche con le parti sociali ma almeno con i sindacati à ben difficile farlo lo ribadisce oggi con amici disponibile a vederci col governo per parlare di lavoro ma certo non di licenziamento ingiustificato di solito e allora sulle misure illustrate a Bruxelles ha il presidente del Consiglio Berlusconi continua a dirsi ottimista fa sapere che à in Parlamento il nove o dieci novembre e poi dice se serve metteremo anche la fiducia Mariella Venditti in gioco non è mio bene il bene del Paese o si salva tutti o non si salva nessuno continua a battere anche oggi su questo tasto il presidente del Consiglio tasto del senso di à come se quella lunga notte il vertice a Bruxelles dove ha portato la famosa lettera di intenti per l'Italia gli avesse dato l'illuminazione solo io e mio governo dice possiamo realizzare questo programma di riforme per diciotto mesi ecco é non esiste alcuna à che io mi faccio la pace a voler sottolineare la à del suo ruolo istituzionale anche oggi pacatamente dialetticamente si rivolge all'opposizione sebbene precisando di parlare non è disfattisti marchi come Casini a un programma molto simile a quello del governo l'ottimismo poi altri lo porta a liquidare come ù che superati i malumori interni semplice motivo chi temeva di non essere candidati eventuali imminenti elezioni una star tranquillo visto che arriveremo si redditi a fine legislatura infatti il patto con Bossi non esiste di falso arrivare al due mila tre è un obbligo impostaci dall'Europa e delle scadenze le riforme strutturali che dobbiamo assolutamente rispettare ed ecco ò affiorare il dubbio della tenuta sui numeri é dice Berlusconi se à necessario ricorreremo al voto di fiducia per tutti i provvedimenti il pensiero va ì i cosiddetti licenziamenti facili allora dice che non vuole sentire visto che per il lavoro si fanno solo cose buone insomma nessuna preoccupazione trapela per le relazioni sociali preoccupazione che invece attraverso il presidente della Camera Fini che dice prevedo un autunno caldo caldo bollente à sono il gran lavoro invece che prevede di svolgere presidente del Consiglio galvanizzato Berlusconi galvanizzato Alfano scommette sulla caduta del governo dice ha perso
Le trascrizioni sono automatiche pertanto sono soggette ad errori. Leggi qui la limitazione di responsabilita' riguardante le trascrizioni e i sottotitoli
Centro d'Ascolto dell'Informazione Radiotelevisiva Torre Argentina Società di Servizi S.p.A. - P.Iva 01956561003 info@centrodiascolto.it